Vector Smart Object3

NUOVE SFIDE
NELLA CONOSCENZA
DELLA β-TALASSEMIA TRASFUSIONE-
DIPENDENTE (TDT)

La β-Talassemia Trasfusione-Dipendente (TDT)

è una grave malattia genetica progressiva che impatta sulla vita dei pazienti.1,2

La TDT è la forma più grave di β-talassemia, caratterizzata da una grave anemia e dalla necessità di trasfusioni continue per tutta la vita, che comporta un conseguente sovraccarico di ferro. Inoltre, può esitare in gravi patologie concomitanti e una ridotta aspettativa di vita rispetto alla popolazione generale1,2,3

Per i pazienti affetti da TDT è necessario un costante e rigoroso monitoraggio del livello di ferro e di aderire ad un preciso regime ferrochelante.4

Maggiori informazioni sulla β-talassemia

Le opzioni terapeutiche attualmente disponibili per la TDT sono la terapia di supporto basata su un regime trasfusionale cronico e la terapia ferrochelante (entrambe da seguire a vita) o il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (detto anche HSCT).1

Per sopravvivere, i pazienti affetti da TDT hanno bisogno di trasfusioni per tutta la vita1

Scopri come le trasfusioni continue consentono al paziente di sopravvivere ma, allo stesso tempo, generano complicanze, come il danno d'organo dovuto al sovraccarico di ferro1

La TDT può influenzare in modo significativo la qualità della vita6,7

Scopri come la gestione clinica della TDT e delle complicanze correlate può influire sulla vita dei pazienti e di chi se ne prende cura5,6

Cosa sappiamo della β-talassemia?

Le attuali linee guida per il trattamento della β-talassemia trasfusione-dipendente (TDT) della Federazione Internazionale Talassemia (TIF) raccomandano:

D.

Le attuali linee guida delineate dalla TIF raccomandano di sottoporre il paziente a trasfusioni a vita. Generalmente, la frequenza varia dalle 2 alle 5 settimane nei pazienti con livelli di emoglobina <7,0 g/dL rilevati in due occasioni a distanza di >2 settimane e in quelli i cui livelli di emoglobina sono >7 g/dL, ma affetti da altri sintomi clinici, quali modificazioni del massiccio facciale, crescita inferiore alla norma, fratture o ematopoiesi extramidollare clinicamente significativa.1

Condividi:

Registrati per ricevere aggiornamenti

Iscriviti oggi stesso per ricevere maggiori informazioni sui prossimi webinar e sulle opportunità formative.

Registrati ora